Saturday, June 03, 2006

La zona Doc del Collio


Il Collio si sviluppa nella fascia settentrionale della provincia goriziana. Il clima è fra i più miti: l’inverno è il periodo più asciutto, la primavera registra precipitazioni copiose, l’estate è tiepida e ventilata ed il raffreddamento autunnale non è eccessivo. Una decisiva influenza sui microclimi è determinata dalla vicinanza del mare. I terreni, sono formati da strati alternati di marna e arenaria.
La “ponka” è appunto la parola friulana che definisce la marna, che si sgretola con facilità in frammenti scagliosi - in seguito ai fenomeni atmosferici - fino a dissolversi nel suolo argilloso. Le marne sono ricche di calcare, potassa e fosforo; l’arenaria è, invece, composta in gran parte di silice e da una minima quantità di calcare. Da un punto di vista morfologico il Collio è caratterizzato da dolci rilievi, che raramente superano i 200 metri. Per arginare la corrosione dei terreni si è ricorsi ai terrazzamenti, che si identificano nella parola friulana “ronc”. I terreni di arenaria, più compatti e con una morfologia aspra, sono tenuti a bosco. La moderna viticoltura nacque a metà dell’Ottocento per merito del Conte La Tour che introdusse pregiate varietà di uve francesi e tedesche a sostituzione dei vitigni locali di qualità inferiore. Punto di arrivo della continua evoluzione di questa viticoltura, è il D.P.R. del 24.5.68, attraverso il quale veniva riconosciuta ai vini del Collio, tra i primi d’ Italia, la Denominazione di Origine Controllata; complessivamente sedici vini (quattro rossi e dodici bianchi) devono essere prodotti con purezza assoluta da uve di altissima qualità, che non possono superare il modesto quantitativo di 110 quintali per e

la storia

Gradimiro Gradnik, per tutti Miro di Plessiva, ebbe il coraggio di dissodare queste terre estreme e portarle alla vite. Tra i primi nel Collio iniziò il commercio del vino in bottiglia. Facile a dirsi oggi, ma quasi avveniristico negli anni sessanta. Da allora l'azienda agricola Gradnik è impegnata su produzioni di qualità nel rispetto della migliore tradizione del Collio. E' ubicata alle spalle di Cormons, in località Plessiva, a 110 metri sul livello del mare, sulla cresta del Collio italiano. I vigneti, totalmente esposti a Sud, sono stati gradualmente rinnovati e reimpiantati con vitigni pregiati. Il suolo è di natura marnoso-calcarea tendente all'argilloso; infatti i terreni vergini dissodati si sfogliano gradualmente durante l'inverno e danno origine al substrato ideale per lo sviluppo della vite. Ora la figlia di Miro, Neda, insieme ai suoi figli, ne continua l'opera con saggia capacità. Lassù, a pochi metri dal confine con la Slovenia, i Gradnik attendono nella loro taverna gli appassionati del buon vino....continua