Monday, July 10, 2006

arte vino cibo e blog

Alcuni giorni fa, ho incontrato un amico e parlando di varie cose mi ha detto che a Gorizia c' era un ragazzo in gambissima che aveva da poco aperto una Enosteria ( il termine enosteria mi è parso subito simpatico ) in una bellissima via del centro storico, via Ascoli, dove si trova anche la sinagoga ebraica.
L' Enosteria si chiama "Ai Popoli" ed è gestita da Aurelio, ma la cosa che mi ha incuriosito maggiormente e che anche Aurelio aveva da poco inaugurato un Blog.... beh, dovevo assolutamente conoscerlo !
Così sono andata da lui e parlando, parlando è venuta fuori un' iniziativa che stava organizzando.... una rassegna di eventi, alcuni avevano come tema principale la cucina, altri la musica ed altri ancora l' arte ( a proposito, devo parlare anche di una bellissima iniziativa a cui ho partecipato a Medana in Slovenia...se ce la faccio forse domani)
Beh, insomma dopo aver parlato e parlato...alla fine abbiamo deciso di fare qualcosa insieme, così Sabato 15 Luglio, alle ore 21.00 ci saranno anche i vini Gradnik assieme allo opere di Donato Zollia Rojc.
Titolo :: °Scherzi e parole nella notte° :: 50 opere minime di Donato Zollia Rojc ed i vini Gradnik

Tuesday, July 04, 2006

sono tornata :-)

In effetti mi sento un po' in colpa, appena iniziata l'avventura blog....e subito sospesa per un pochino !
Ma ultimamente ci sono state un sacco di novità ed un sacco di eventi che mi hanno portato dentro un turbine... quindi tempo per me = 0 !!!!!!
Il lato positivo é che Cantine Aperte come al solito è stato un successone, veramente tantissime persone che come ogni anno vengono a trovarmi ... ma anche tanta gente nuova, curiosa ed entusiasta della mia adorata cantina (per adorata cantina mi riferisco ad una zona in particolare, dove mi piace accogliere gli ospiti :-) )
Un'altra bellissima manifestazione è stato il meeting di Tigullio di cui, lo so, avrei dovuto parlarne anche prima di parteciparvi...ma va beh, la prossima volta mi organizerò meglio !!!
Imparare ad usare il blog, in effetti non è stato difficile....però ci voleva un po' di tempo da dedicargli ed il mio tempo in questo momento, come dicevo prima, è già riservato ad altre cose :: la più importante in assoluto ????
Piantare Malvasia .... sono felicissima, perché adoro la Malvasia e domani pianterò altre 100 piantine :-)

Saturday, June 03, 2006

La zona Doc del Collio


Il Collio si sviluppa nella fascia settentrionale della provincia goriziana. Il clima è fra i più miti: l’inverno è il periodo più asciutto, la primavera registra precipitazioni copiose, l’estate è tiepida e ventilata ed il raffreddamento autunnale non è eccessivo. Una decisiva influenza sui microclimi è determinata dalla vicinanza del mare. I terreni, sono formati da strati alternati di marna e arenaria.
La “ponka” è appunto la parola friulana che definisce la marna, che si sgretola con facilità in frammenti scagliosi - in seguito ai fenomeni atmosferici - fino a dissolversi nel suolo argilloso. Le marne sono ricche di calcare, potassa e fosforo; l’arenaria è, invece, composta in gran parte di silice e da una minima quantità di calcare. Da un punto di vista morfologico il Collio è caratterizzato da dolci rilievi, che raramente superano i 200 metri. Per arginare la corrosione dei terreni si è ricorsi ai terrazzamenti, che si identificano nella parola friulana “ronc”. I terreni di arenaria, più compatti e con una morfologia aspra, sono tenuti a bosco. La moderna viticoltura nacque a metà dell’Ottocento per merito del Conte La Tour che introdusse pregiate varietà di uve francesi e tedesche a sostituzione dei vitigni locali di qualità inferiore. Punto di arrivo della continua evoluzione di questa viticoltura, è il D.P.R. del 24.5.68, attraverso il quale veniva riconosciuta ai vini del Collio, tra i primi d’ Italia, la Denominazione di Origine Controllata; complessivamente sedici vini (quattro rossi e dodici bianchi) devono essere prodotti con purezza assoluta da uve di altissima qualità, che non possono superare il modesto quantitativo di 110 quintali per e

la storia

Gradimiro Gradnik, per tutti Miro di Plessiva, ebbe il coraggio di dissodare queste terre estreme e portarle alla vite. Tra i primi nel Collio iniziò il commercio del vino in bottiglia. Facile a dirsi oggi, ma quasi avveniristico negli anni sessanta. Da allora l'azienda agricola Gradnik è impegnata su produzioni di qualità nel rispetto della migliore tradizione del Collio. E' ubicata alle spalle di Cormons, in località Plessiva, a 110 metri sul livello del mare, sulla cresta del Collio italiano. I vigneti, totalmente esposti a Sud, sono stati gradualmente rinnovati e reimpiantati con vitigni pregiati. Il suolo è di natura marnoso-calcarea tendente all'argilloso; infatti i terreni vergini dissodati si sfogliano gradualmente durante l'inverno e danno origine al substrato ideale per lo sviluppo della vite. Ora la figlia di Miro, Neda, insieme ai suoi figli, ne continua l'opera con saggia capacità. Lassù, a pochi metri dal confine con la Slovenia, i Gradnik attendono nella loro taverna gli appassionati del buon vino....continua

Thursday, May 18, 2006

donne e vino